Blade Runner

Blade Runner, Ridley Scott, 1982.

È uno dei più celebri film di fantascienza, liberamente ispirato al romanzo 'Il cacciatore di androidi' di Philip K. Dick, oggi considerato uno dei maggiori scrittori statunitensi della seconda metà del Novecento (non solo nell'ambito fantascientifico), nonché precursore del filone cyberpunk.   Nel 1993 è stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video 

Questa è l'epica scena finale, in cui l'androide, giunto alla fine del tempo programmato per la sua esistenza, 'si spegne'.

(Cliccando si apre una nuova finestra)
Qui puoi apprezzare l'ambientazione scenografica del film e la colonna sonora di Vangelis, un tastierista e compositore greco di musica elettronica e new age.

Considerazioni
Il film è del 1982. La vicenda è collocata in una futuribile Los Angeles del 2019. Sono quidi trascorsi praticamente 30 anni dalla produzione e del film, mentre mancano solo 8 anni alla data indicata come tempo della storia.
E' interessante osservare come Ridley Scott immaginava il nostro futuro nel 1982. L'ambiente descritto è davvero catastrofico. Los Angeles è un'immensa megalopoli multietnica sovrappopolata, con l'elemento asiatico prevalente. Vi si parla uno slang derivato dalla commistione delle diverse lingue. Il cielo è perennemente buio, oppresso da una cappa di smog. Piove ininterrottamente. Fa da contrasto lo sfavillio delle vetrine e delle grandi insegne pubblicitarie di marchi e prodotti tecnologici. Enormi schermi televisivi sono posti nelle principali vie di transito. Gli autoveicoli viaggiano nell'aria, poi atterrano e completano il percorso sulla strada. L'ingegneria genetica è in grado di creare in laboratorio gli organi vitali che sono utilizzati per costruire gli androidi.

TEMI
Il film approfondisce le questioni etiche relative al mondo della robotica, a partire dalle Tre Leggi della Robotica elaborate da Isaac Asimov negli anni '50:
 
1. Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del proprio mancato intervento, un essere umano riceva danno.  
2. Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non contravvengano alla Prima Legge.  
3. Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché questa autodifesa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge.

Infatti la vicenda ruota su due elementi principali:
A) Il tentativo da parte degli androidi di sopravvivere oltre il periodo programmato dai costruttori per la loro esistenza.
B) L'invenzione della Tyrrel di un sistema di innesti cerebrali che offre all'androide una memoria del passato, vissuta come propria.

CONSIGLI
1) Se procedi alla visione del film considera che è stato realizzato 30 anni fa: per quanto la vicenda è ricca di colpi di scena, oggi lo spettatore è abituato a un ritmo narrativo più accelerato.
2) Non farti distrarre dalla 'storia', ma annota mentalmente (meglio ancora per iscritto) tutti gli aspetti scientifici, tecnologici e sociali che costituiscono un 'futuro prevedibile' nel 1982.

    

odissea.jpg
moby.jpg