Il Gattopardo

Il Gattopardo, Luchino Visconti, 1963.

Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, che nel 1959 ricevette il Premio Strega e fu il primo best-seller italiano con oltre 100.000 copie vendute.

 

E' questo il caso di un Neologismo introdotto da un romanzo, in tempi abbastanza recenti: gattopardesco.
Il Dizionario Sabatini Coletti così definisce il termine: Gattopardesco - Che fa mostra di aderire alle novità per non perdere potere e privilegi antichi.
Questa la definizione del Dizionario della Lingua Italiana di Gabrielli, edito da Hoepli: Gattopardesco - Di atteggiamento conservatore che sa adattarsi ai cambiamenti, nella convinzione che essi non comprometteranno in alcun modo le posizioni di privilegio di certe classi  ‖ Trasformista: abile voltagabbana.
Il film di Visconti contribuisce a diffondere il nuovo aggettivo e a definire l'atteggiamento corrispondente, in particolare citando le frasi "Se vogliamo che tutto rimanga com'è, bisogna che tutto cambi" (Tancredi minuto 15), "Qualcosa doveva cambiare, perchè tutto rimanesse com'era prima" (Principe di Salina 1h18).

Il film eccelle per la fotografia e per gli allestimenti scenografici (minuti 16-18), (molto bella la sequenza 1h15-1h23) (scena del ballo 2h33-2h36). 
 

odissea.jpg
odissea2.jpg