Benedetto sia 'l giorno...

Luciano Pavarotti sings Liszt - Petrarca Sonett Nr. 2, 1978.

F. Petrarca, Canzoniere, LXI


   Benedetto sia 'l giorno, e 'l mese, e l'anno,
e la stagione, e 'l tempo, e l'ora, e 'l punto,
e 'l bel paese, e 'l loco ov’io fui giunto
da' duo begli occhi, che legato m’hanno;          4
   
   e benedetto il primo dolce affanno
ch’i' ebbi ad esser con Amor congiunto,
e l’arco, e le saette ond'i' fui punto,
e le piaghe che 'n fin al cor mi vanno.               8
   
   Benedette le voci tante ch’io
chiamando il nome de mia donna ho sparte,
e i sospiri, e le lagrime, e 'l desio;                       11
   
   e benedette sian tutte le carte
ov’io fama l’acquisto, e 'l pensier mio,
ch’è sol di lei, sì ch’altra non v’ha parte.            14


I' vidi in terra...

JunHo You sings Liszt - Petrarca Sonett Nr. 3, 2009.

F. Petrarca, Canzoniere, CLVI

   I’ vidi in terra angelici costumi
e celesti bellezze al mondo sole;
tal che di rimembrar mi giova e dole,
ché quant’io miro par sogni, ombre e fumi.        4
   
   E vidi lagrimar que’ duo bei lumi,
c’han fatto mille volte invidia al sole;
ed udì’ sospirando dir parole
che farìan gire i monti e stare i fiumi.                 8
   
   Amor, senno, valor, pietate, e doglia
facean piangendo un più dolce concento
d’ogni altro, che nel mondo udir si soglia:          11
   
   ed era il cielo a l’armonia sì intento
che non se vedea in ramo mover foglia,
tanta dolcezza avea pien l’aere e ’l vento.          14


Voi ch'ascoltate...

F. Petrarca, Canzoniere, I.



   Voi ch’ascoltate in rime sparse il suono
di quei sospiri ond'io nudriva 'l core
in sul mio primo giovenile errore,
quand'era in parte altr'uom da quel, ch'i' sono;             4
   
   del vario stile in ch’io piango e ragiono
fra le vane speranze, e 'l van dolore;
ove sia chi per prova intenda amore,
spero trovar pietà, non che perdono.                                8
   
   Ma ben veggio or sì come al popol tutto
favola fui gran tempo, onde sovente
di me medesmo meco mi vergogno;                                 11
   
   e del mio vaneggiar vergogna è 'l frutto,
e 'l pentersi, e 'l conoscer chiaramente
che quanto piace al mondo è breve sogno.                      14


gattopardo1.jpg
america2.jpg